Struttura del codice
Le domande collegate alla strutturazione del codice Terraform sono le piú frequenti nella community. Tutti hanno pensato alla migliore maniera per strutturare il codice a un certo punto del progetto.

Come dovrei strutturare le mie configurazioni Terraform?

Questa è una delle domande dove sono presenti molte soluzioni, è molto difficile dare un consiglio universale, andiamo a capire meglio con cosa abbiamo a che fare.
  • Qual'è la complessitá del tuo progetto?
    • Numero di risorse collegate
    • Numero di provider Terraform (guarda la nota sotto sui "provider logici" )
  • Con che frequenza cambia la tua infrastruttura Terraform?
    • Da una volta a mese/settimana/giorno
    • A continuamente (ogni volta quando c'e' un nuovo commit)
  • Un cambiamento del codice può scatenare un aggiornamento? É permesso al CI server di aggiornare i repository quando viene fatto il build di un nuovo artefatto?
    • Solo gli sviluppatori possono fare il push al repository di infrastruttura
    • Tutti possono proporre un cambiamento a qualsiasi parte del progetto aprendo una PR ( includendo i task automatici che girano sul server CI)
  • Quale piattaforma o servizio usi per il deployment?
    • AWS CodeDeploy, Kubernetes, o OpenShift richiedono degli approcci leggermente differenti
  • Come sono raggruppati il ambienti?
    • Per ambiente, regione, progetto
I provider logici lavorano interamente con la logica Terraform e spesso non interagiscono con altri servizi, pensiamo alla loro complessità come O(1). I provider logici più comuni sono random, local, terraform, null, time.

Cominciamo a strutturare le configurazioni Terraform.

Mettere tutto il codice dentro il file main.tf é una buona idea quando si sta cominciando o si sta scrivendo un codice di esempio. In tutti gli altri casi é meglio avere più file divisi logicamente in questo modo:
  • main.tf - chiamate ad altri moduli, locals, e data sources per creare altre risorse
  • variables.tf - contiene dichiarazioni di variabili usate dentro main.tf
  • outputs.tf - contiene outputs di risorse create dentro main.tf
  • versions.tf - contiene le versioni richieste per Terraform per per i providers
terraform.tfvars non dovrebbe essere mai usato eccetto nelle composizioni.

Come organizzare la struttura delle configurazioni Terraform?

Per favore assicurati di aver capito i concetti chiave - modulo risorsa, modulo infrastruttura, e composizione, dato che verranno usati negli esempi seguenti.

Raccomandazioni per la struttura del codice.

  • È piu facile e veloce lavorare con un numero di risorse piccolo.
    • terraform plan e terraform apply eseguono delle chiamate API cloud per verificare lo stato delle risorse.
    • Se si ha l'intera infrastruttura in una composizione singola fare queste chiamate API puó richiedere molto tempo.
  • I danni a causati di un evento catastrofico sono minori con meno risorse.
    • Isolare risorse non collegate mettendole in composizioni separate riduce il rischio in caso qualcosa vada male.
  • Inizia il progetto usando lo stato remoto perchè :
    • Il laptop non è il posto per tenere la "fonte della verità" riguardo all'infrastruttura.
    • Amministrare il file tfstate in git é un incubo
    • Quando l'infrastruttura crescerà in direzioni multiple (aumentando il numero di risorse e dipendenze) sarà piú facile tenere tutto sotto controllo.
  • Fai pratica usando una struttura del codice consistente e una convezione sui nomi:
    • Come il codice procedurale, il codice Terraform dovrebbe essere scritto per essere letto dalle persone in prima istanza, la consistenza aiuterà quando ci sarà da fare cambiamenti dopo sei mesi.
    • È possibile spostare le risorse tra i file di stato di Terraform ma non sarà semplice se avrai una struttura di codice e un naming non consistente.
  • Tieni le risorse nei moduli nella maniera più pulita possibile.
  • Non fare hardcode di valori che possono essere passati come variabili o scoperti usando data sources
  • Usa data sources e terraform_remote_state come una colla tra moduli di infrastruttura con diverse composizioni.
In questo libro, gli esempi dei progetti sono raggruppati per complessità - dall'infrastruttura più piccola a quella più grande. Anche se la separazione non é restrittiva.

Orchestrazione di moduli infrastruttura e composizioni.

Avere un'infrastruttura piccola significa un numero di dipendenze minori e poche risorse. Quando il progetto cresce, anche la necessità di collegare l'esecuzione di configurazioni Terraform, connettere moduli di infrastruttura diversi, e passare valori con composizioni diventa ovvia.
Ci sono almeno 5 gruppi distinti di soluzioni di orchestrazione che uno sviluppatore usa:
  1. 1.
    Solo Terraform. Approccio diretto, gli sviluppatori devono conoscere solo Terraform per compiere il lavoro.
  2. 2.
    Terragrunt. Un tool di orchestrazione puro, che può essere usato per orchestrare l'intera infrastruttura e gestire le dipendenze. Terragrunt opera con moduli di infrastruttura e composizioni native, in questo modo riduce la duplicazione del codice.
  3. 3.
    Scripts personalizzati. Spesso accade come punto di partenza verso l'orchestrazione e prima di scoprire Terragrunt.
  4. 4.
    Ansible o tool simili di automazione. Solitamente quando Terraform viene adottato dopo Ansible, o quando è usata la UI di Ansible.
  5. 5.
    Crossplane e altre solutioni ispiriate a Kubernetes. Alcune volte ha senso utilizzare l'ecosistema Kubernets e impiegare un "reconciliation loop feature" per raggiungere lo stato desiderato della nostra configurazione Terraform. Guarda il video Crossplane vs Terraform per avere più informazioni.
Tenendo presente tutto questo, il libro rivede i primi due approcci Terraform da solo oppure con Terragrunt.
Guarda gli esempi e la strutturazione del codice per Terraform o Terragrunt nel prossimo capitolo.
Export as PDF
Copy link
Edit on GitHub
On this page
Come dovrei strutturare le mie configurazioni Terraform?
Cominciamo a strutturare le configurazioni Terraform.
Come organizzare la struttura delle configurazioni Terraform?
Raccomandazioni per la struttura del codice.
Orchestrazione di moduli infrastruttura e composizioni.